Gli studenti dell’UniBo accendono i motori e partono in pole position grazie alla tecnologia 3D made in BO!

aprile 22, 2016 1:07 pm

Se pensate che per creare una monoposto in stile formula ci vogliano esperti ingegneri e talentuosi designer vi state sbagliando. Giovani studenti poco più che 20enni sono riusciti nell’impresa con tanto impegno, buona volontà e con l’aiuto di strumenti adeguati. Sfruttando le potenzialità di un software CAD e di reverse engineering, infatti, un gruppo di volenterosi ragazzi dell’Università di Bologna hanno realizzato una vettura monoposto in stile formula… il tutto made in BO. Questo prototipo verrà presentato in anteprima durante la nuova edizione del Motorfest che si terrà lunedì 30 Novembre presso la sede di Ingegneria.

brasil 66

UniBo Motorsport, il team di Formula SAE dell’Università di Bologna, seguendo le sue passioni e le sue ambizioni, ha creato una vettura da competizione in grado di gareggiare nel campionato internazionale di formula SAE (Society of Automotive Engineers) raggiungendo ottimi risultati. Questo traguardo, frutto dell’innovativo progetto MW4-15, rappresenta un’esperienza utile per i giovani studenti appassionati di sport e motori: si mettono in pratica gli strumenti della formazione accademica avvicinandosi al mondo del lavoro.
La SAE organizza questo campionato per permettere a giovani studenti universitari di avvicinarsi al mondo del Motorsport progettando, realizzando e portando in pista un prototipo in stile formula. E proprio il nuovo prototipo sarà protagonista della nuova edizione del Motorfest, evento annuale che si rivolge agli sponsor e a tutti i sostenitori del team, a cui sarà dato spazio dopo i commenti tecnici, gli obiettivi della nuova stagione e la presentazione al pubblico in esclusiva della monoposto.

ventola_leios

Questo traguardo è stato raggiunto anche grazie alla collaborazione con un’azienda del territorio bolognese, EGS, la quale è da sempre impegnata nel favorire la formazione scolastica e professionale di giovani ragazzi fornendo loro innovativi strumenti e tecnologie. Tra queste si pone il Leios, software CAD totalmente pensato e sviluppato in-house dall’azienda, il quale è stato proprio utilizzato dai giovani studenti del team Motorsport per facilitare ed accelerare il processo di realizzazione della macchina, elaborando le scansioni 3D del carter motore che hanno permesso ai ragazzi di rilevare ingombri e misure, nonché di progettare con accuratezza determinati componenti.

In particolare, Leios ha permesso la creazione delle superfici carter interne per verificare ingombri durante la progettazione del nuovo gruppo cambio della vettura e il reverse engineering della ventola per l’ottimizzazione delle simulazioni fluidodinamiche dell’impianto di raffreddamento.

 

Basamento_leios

Il software è stato gratuitamente donato alla facoltà di ingegneria dall’azienda bolognese che ha accolto questa collaborazione con gli studenti del team Motorsport con entusiasmo e piena disponibilità e, anche quest’anno, questi due grandi team ripartono insieme con la passione e l’impegno di sempre per affrontare nuove esaltanti sfide e raggiungere altri importanti traguardi.

About:
UniBo Motorsport rappresenta una realtà giovane nel contesto della SAE: nato soltanto nel 2009 dalla passione di un gruppo di studenti di Ingegneria, prende parte al campionato appena nel 2010 con la prima vettura realizzata. Ad oggi il team ha affrontato 4 stagioni, riportando sempre notevoli risultati: nel 2014, con la partecipazione alla Formula SAE Brasil ha raggiunto il titolo di campione, ponendosi come primo team italiano ad aver ottenuto una vittoria dalla nascita della Formula SAE.